Re e regina entrano in classe

Data: 11/11/2021

Il gioco degli scacchi

A scuola con "re e regina". Non sarà una lezione di storia, né di educazione civica, ma di scacchi: alla primaria Querini, da fine novembre, entrerà uno dei giochi più antichi e appassionanti che si conoscano.

Solo un passatempo? Assolutamente no: «L'obiettivo principale - spiega la docente Teresa Parlato - è valorizzare gli aspetti formativi del carattere ed educativi della mente. Gli scacchi possono rivelarsi un importante strumento didattico per la rimozione di alcuni ostacoli all'apprendimento sia sul piano comportamentale, motivando all'impegno verso un progetto strategico scelto autonomamente, sia sul piano delle connessioni logiche, favorendo i rapporti causa-effetto».

L'associazione sportiva Scacchi Capablanca per 8 ore, durante il normale orario scolastico, sarà presenta a scuola e fornirà le basi per poter giocare: scacchiere, pedine e, naturalmente, assistenza per le regole del gioco. Al termine del corso i bambini si sfideranno in un appassionante torneo. Vinca il migliore!